Agli orsi piace il miele... ma anche a noi!

Paolo con uno sciame d' api
Un poco dei nostri prodotti

 

Miele, Polline, Pappa Reale ...... e campi cent'anni!!!

Ma i prodotti dell'alveare aiutano a restare giovani più a lungo? Noi crediamo di sì e possiamo azzardare un'ipotesi. E'fra i 30 e i 50 anni di età che si potenziano o si depauperano quelle energie fisiche e mentali indispensabili a mantenere il corpo in buona salute. Che cosa determina la durata della vita? Perché alcuni individui sono più longevi di altri? Spesso ci viene risposto che l'attesa di vita di ciascuno di noi è collegata all'ereditarietà, cioè genitori longevi permettono ai figli di diventare centenari. Ma non può bastare. Si sa ad esempio che il fumo, l'alcol, i grassi in eccesso logorano l'organismo piuttosto velocemente. Inoltre a condurci alla vecchiaia ci si mette anche il nostro sistema immunitario. Passati i 50 anni, questo inizia a fabbricare i cosiddetti autoanticorpi, cellule che reagiscono contro organi e tessuti dello stesso organismo (che normalmente dovrebbe scongiurare il pericolo di virus e batteri). Gli studiosi presumono che gli ultracentenari siano giunti a tale ragguardevole età perché dotati di un sistema immunitario che produce pochi autoanticorpi. Sembra anche che la produzione di autoanticorpi sia massima tra i 50 e gli 80 anni e poi cessi quasi del tutto Insomma,si potrebbe sospettare che la natura cerchi di farci autodistruggere quando ritiene che non serviamo più per la continuazione della specie, ma si arrende poi di fronte a quegli individui che hanno superato la selezione dell'età critica. Qualche spirito allegro consiglia di non respirare. Se fosse possibile l'organismo non invecchierebbe perché è proprio l'ossigeno, indispensabile alla vita, ad essere anche molto tossico. Infatti man mano che viene bruciato dalle cellule lascia dietro di sé le scorie: acqua e purtroppo i radicali liberi. Questi ultimi sono frammenti di molecole che, staccatesi dalla molecola originaria, vagano nell'organismo, alterano la struttura cellulare, producono malattie degenerative e invecchiamento precoce. A potenziare l'effetto concorrono altri fattori: radiazioni ionizzanti (compresi i raggi UVA) farmaci, aria inquinata e smog, alimentazione sbagliata (in particolare i grassi fritti), oltreché una pratica sportiva protratta a lungo e molto impegnativa. Per fortuna abbiamo due alleati: gli "spazzini "e gli "operai demolitori". I primi sono le vitamine A, C ed E insieme a selenio e zinco. I secondi sono rappresentati sopratutto dal Sod (Superossido dismutasi), un enzima capace di trasformare i radicali dell'ossigeno nell'innocuo perossido d'idrogeno. Un integratore naturale che li contiene tutti è il polline, ritenuto a ragione un fattore di longevità, senza contare la presenza degli ormoni steroidi vegetali ai quali è riconosciuta un'azione ringiovanente, e della gonadotropina sostanza stimolante le gonadi a loro volta produttrici di ormoni. Anche il miele ci viene in aiuto, grazie al suo pH acido compreso tra il 3,5 e il 5,5, le sostanze minerali, le vitamine, gli ormoni e un fattore antibiotico. Il discreto contenuto di vitamina C, PP, flavonoidi ed acido pantotenico potenzia la resistenza capillare, nutre in modo equilibrato la cellula nervosa e potenzia l'organismo contro le malattie infettive. In più ha il grande vantaggio di favorire la fissazione dei sali minerali e degli oligoelementi. Tra questi meritano una particolare attenzione lo zinco, il cromo e il cobalto; il primo entra nella composizione dell'insulina e nei globuli rossi del sangue, protegge la crescita dei capelli, è indispensabile per la sintesi delle proteine e facilita tutti i processi di rinnovamento cellulare. Il cromo invece non deve mai mancare perché tiene al riparo dalle malattie cardiovascolari, dal diabete e dall'arteriosclerosi. Il cobalto infine favorisce la rimozione del ferro dai tessuti di deposito e ne facilita l'assorbimento. E che dire della pappa reale? Si tratta di un autentico concentrato di sostanze buone a mantenere la salute fisica e mentale. Oltre ad un gran numero di vitamine, sali minerali, oligoelementi, ormoni della crescita, aminoacidi essenziali ed enzimi contiene fattori antitossici e antibiotici (biopterina e acido 10-idrossidecenico), fattori antitumorali (acido sebacico, acido 2-decendioico, acido decilenico) E ancora circa l'1% di sostanze ignote di cui non si conoscono le proprietà. Risultato? Agisce sul sistema nervoso stimolando il lavoro fisico e intellettuale, aumenta il consumo di ossigeno da parte dei tessuti e accelera il ricambio, migliora la resistenza fisica, incrementa la capacità vitale mantenendo giovani e funzionali gli organi interni. ( fonte Apitalia)